Documentario – Antonia – 3a recensione

Recensione di Monica Ferrari, counselor e educatrice presso il progetto Via del Campo, sul documentario “Antonia” del regista svizzero Dimitri Singenberger, proiettato in prima visione mondiale presso il 28°Festival Mix Milano. Recensione: Conosco Antonia da diversi anni, anni nei quali ho avuto modo di conoscere varie sfumature del suo carattere, l’ho vista sicura, fragile, arrabbiata, felice, furiosa e spensierata ma il video di Dimitri Singenberger è riuscito a svelare parti che spesso Antonia cerca di tenere celate. Antonia in questo “docu-film” si è messa a nudo, non solo metaforicamente, non ha avuto paura di mostrarsi per quello che è tra le mura di casa, senza trucco né vestiti, sfoggiando un animo nel contempo seduttivo e malinconico, sfacciato e contemporaneamente riservato e pudico.

Si è mostrata a 360 gradi come solitamente non fa, mettendo da parte la Antonia pubblica, militante, sicura di sé a volte al limite dello scontroso, per mostrare la donna che ammicca, che seduce, che scopre e contemporaneamente viene scoperta.

Se da un lato si racconta, costringe anche il suo interlocutore a mostrarsi, a svelare emozioni sensazioni che lui vorrebbe restassero dietro alla macchina da presa. Spesso si coglie l’imbarazzo del regista che si trova suo malgrado a riflettere su pensieri, comportamenti, stereotipi in un gioco delle parti che gli sfugge di mano, come se l’attore fosse lui e le redini del gioco fossero in mano a colei che dovrebbe essere raccontata, Antonia.

Vedere questo docu-film ti lascia la sensazione di aver fatto un viaggio, e come dice Maruja Torres: ”la maggior parte di noi si porta dentro, da sempre, un viaggio, che non è una semplice visita o una vacanza, ma un sogno. Un viaggio di questo tipo si alimenta di letture, cartoline illustrate, carte geografiche, fotografie, persone che arrivano con delle notizie, avventure vissute da altri e di cui uno si sente partecipe nell’oscurità di una sala cinematografica o a casa, soli davanti alla televisione

 

Transmigrazioni

Trans, migrazioni e prostituzione
Associazione Naga in collaborazione con ALA Milano Onlus, lunedì 30 giugno 2014 alle ore 19.30 in via Ludovico Lazzaro Zamenof 7/A, propongono una serata di approfondimenti sulla transessualità, migrazioni e prostituzione presentando il film documentario Crisalidi5 ritratti di giovani trans” di Federico Tinelli. Il programma prevede: inizio serata aperitivo di benvenuto, alle ore 20.15 proiezione del film documentario, al termine avrà luogo un dibattito sui temi proposti, moderato da Antonia Monopoli responsabile Sportello Trans ALA Milano Onlus e Monica Ferrari responsabile sportello Progetto Via del Campo. L’evento è ad ingresso libero, per organizzare gli spazi si chiede di inviare mail di partecipazione a: sportellotrans@alainrete.org L’iniziativa si inserisce nella formazione all’interno di “Scenari Possibili” dell’Associazione ALA Milano Onlus, cofinanziato dalla Regione Lombardia attraverso il Bando per il finanziamento di interventi di assistenza e aiuto alle vittime dei reati di stampo mafioso e della criminalità organizzata (L.R.9/2011, art 4). Vi preghiamo di divulgare l’iniziativa presso i vostri contatti, grazie e cordiali saluti.