Trans freedom march tdor2014


Documento politico Tdor 2014. Trans Freedom March.

Come ogni anno il 20 novembre celebriamo il Transgender day of Remembrance, ricorrenza in cui si ricordano le vittime della transfobia.

Quest’anno vogliamo dedicare il TDoR a due persone che non ci sono più, Nicole e Valentina, due donne trans precocemente scomparse per circostanze tristi della vita. Per loro la violenza transfobica si è scatenata dopo la morte: Nicole è stata seppellita dalla famiglia in abiti maschili e Valentina è stata ricordata nei manifesti funebri col nome da uomo. La mancanza di una legge che riconosca l’identità delle persone transgender ha permesso che le famiglie calpestassero la dignità di queste due donne. Neanche da morte hanno avuto diritto di essere ricordate per come si sentivano e come vivevano.

Chiediamo da tempo che la legge sul cambio di sesso venga modificata e riconosca, come in molti paesi europei, anche i diritti di quelle persone che non arrivano all’intervento chirurgico sui genitali ma vivono comunque la loro vita nel genere d’elezione.

Qualche giorno fa abbiamo inviato una lettera al presidente del consiglio e del senato sollecitando l’avvio dell’iter di discussione dei ddl depositati su tale argomento.

E mentre chiediamo leggi che garantiscano l’uguaglianza continuiamo a batterci per i diritti di tutt@ alla propria diversità, anche rispetto all’identità di genere. In questo scena sociale e politica abbiamo deciso di calare il TDoR di quest’anno e abbiamo deciso di connotarlo con una marcia, per ricordare a gran voce le persone trans che sono state uccise per crimini d’odio. Con la Trans Freedom March vogliamo portare per le strade e nelle piazze la nostra visibilità contro vecchi e nuovi integralismi.

Vi invitiamo ad aderire e promuovere l’evento
.
Sabato 22 Novembre 2014 
ore 16.30
Piazza Vittorio Veneto
Il Coordinamento Tans Sylvia Rivera
per sapere maggiori informazioni:
Coordinamento Torino Pride
invia adesione:  segreteria@torinopride.it

Chiude il PRISCILLA CAFFE’

Dopo anni, lo storico Priscilla Caffè di Torre del Lago chiude i battenti, la strenua resistenza intentata da Regina Satariano, sua grande animatrice non ha sortito effetti. Se oggi imperversa la crisi, da sempre infierisce l’ostilità specialmente quando un luogo è considerato diverso e il Priscilla più che un locale era un luogo, anzi “il luogo” di riferimento per tutto il mondo LGBT e non solo, il faro che illuminava la Versilia e le vacanze di molti di noi. L’ostilità e l’avversione logorano come un tarmo, un germe che sfinisce specialmente in tempo di crisi. Eppure proprio in questa epoca tutte e tutti desideriamo posti e luoghi liberati e liberanti, ne abbiamo bisogno! Il Coordinamento Trans Sylvia Rivera sostenitore da sempre dello storico Priscilla a cui lega amicizia, cultura, politica e impegno apprende con tristezza della sua chiusura. A tutte/i noi mancherà quel faro che ha saputo e voluto essere. Sappiamo che le nostre vite, le nostre esistenze, i nostri percorsi non sono facili, sappiamo pure su quanta passione e coraggio possiamo contare ed è da questo vogliamo partire per sostenere e incoraggiare Regina affinchè nascano e prolificano dieci cento mille Priscilla Caffè, grazie Regina.